Binaroptionen Comercio 01

Melhores corretores de opcoes binarias 2020:
  • Binomo
    Binomo

    O melhor corretor!
    Conta demo gratuita e treinamento para iniciantes!
    Inscreva-se bonus!

  • FinMax
    FinMax

    Corretor de opcoes binarias confiavel! Boa resposta!

Rinnovo contratto commercio nel 2020: niente aumenti, allineamenti da gennaio

Il tanto atteso rinnovo del contratto commercio, il tanto atteso annuncio sugli aumenti in busta paga, non è ancora arrivato e probabilmente non arriverà prima dell’anno 2020. Le parti sociali hanno modificato e allineato le tabelle retributive del CCNL Terziario, distribuzione e servizi a partire dal 1° gennaio 2020, quindi dalla busta paga di gennaio 2020, ma si tratta di modifiche di pochissimi centesimi di euro.

E’ stato stipulato, infatti, un accordo che rettifica lievissimi disallineamenti dei minimi contrattuali per i dipendenti del settore Commercio e terziario.

L’allineamento delle tabelle retributive contratto commercio da gennaio 2020 fa:

  • aumentare lo stipendiodi 1 centesimo di euro ai lavoratori inquadrati con secondo, terzo, quinto livello del contratto commercio. L’aumento di 1 centesimo di euro riguarda anche gli Operatori di vendita di 1° categoria;
  • Mentre per i lavoratori inquadrati con il sesto livello del commercio lo stipendio diminuisce di 2 centesimi di euro. Per gli operatori di vendita di 2° categoria lo stipendio scende di 1 centesimo di euro.

Il tutto partire dalla busta paga di gennaio 2020.

Tutti gli altri lavoratori inquadrati negli altri livelli del contratto commercio (livello Q, 1° livello, 4° livello, 7° livello) avranno lo stipendio invariato da gennaio 2020 e pertanto per loro si confermano i minimi retributivi e le tabelle retributive in vigore già da marzo 2020.

Tali variazioni degli stipendi hanno effetto dal 1 gennaio 2020, quindi le tabelle retributive del commercio in vigore da marzo 2020 avranno una validità fino al 31 dicembre 2020 (busta paga di dicembre 2020). A partire dal 1 gennaio 2020 (busta paga gennaio 2020) andranno in vigore le nuove tabelle retributive commercio 2020, con l’applicazione dell’allineamento.

Rinnovo contratto commercio: quando arriva

In termini di lavori per il rinnovo del contratto commercio, la contrattazione collettiva riguardante il CCNL Commercio e terziario Confcommercio ha riguardato nell’anno 2020:

  • la stipula dell’accordo del 20 febbraio 2020 riguardante la definizione delle attività stagionali per i CAF per il ricorso alle assunzioni a tempo determinato;
  • il successivo accordo del 17 aprile 2020 riguardante la validità e l’applicabilità dell’art. 66-bis del CCNL sui contratti a tempo determinato in località turistiche a seguito del Decreto Dignità;
  • l’accordo integrativo del 13 maggio 2020 che prolunga la scadenza del CCNL Terziario, distribuzione e servizi del 30 marzo 2020 al 31 dicembre 2020;
  • l’accordo del 10 settembre 2020 di rettifica dei lievissimi disallineamenti nei minimi contrattuali per i dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi, a decorrere dal 1° gennaio 2020.

Quest’ultimo accordo contiene le nuove tabelle retributive del contratto commercio da gennaio 2020. Ma come abbiamo già accennato si tratta di rifiniture di pochi centesimi di euro e solo per alcuni livelli di inquadramento del contratto commercio. Pertanto il rinnovo del contratto commercio non è ancora arrivato nella sua entità classica di adeguamento in aumento dei minimi contrattuali o paga base.

Consultato le tabelle retributive del contratto commercio aggiornate, si può evincere che le tabelle retributive in vigore nel 2020 sono quelle risalenti all’ultimo rinnovo a partire dalla busta paga di marzo 2020. Pertanto, al netto degli allineamenti a partire da gennaio 2020, il rinnovo delle tabelle retributive del contratto commercio è fermo dal marzo 2020 e pertanto c’è da attendersi un rinnovo del contratto commercio nel 2020.

Del resto, nell’accordo del 13 maggio 2020 contenente la proroga della validità del CCNL Commercio al 31 dicembre 2020, le parti si sono impegnate a rinnovare il contratto del commercio del 30 marzo 2020 producendo un testo di stesura del rinnovo del contratto commercio, più precisamente rinnovo del CCNL Terziario, Distribuzione e servizi, meglio conosciuto come contratto commercio, entro il 31 maggio 2020.

Melhores corretores de opcoes binarias 2020:
  • Binomo
    Binomo

    O melhor corretor!
    Conta demo gratuita e treinamento para iniciantes!
    Inscreva-se bonus!

  • FinMax
    FinMax

    Corretor de opcoes binarias confiavel! Boa resposta!

C’è quindi da attendersi l’arrivo del rinnovo contratto commercio nell’anno 2020, con una fase intermedia relativa all’allineamento delle tabelle retributive da gennaio 2020. Anche perché i lavoratori hanno dovuto “sopportare” anche l’accordo integrativo del 24 ottobre 2020 che sospese la tranche di aumento di 16 euro con decorrenza novembre 2020, poi giunta in ritardo a partire da marzo 2020, data appunto delle tabelle retributive in vigore fino al 31 dicembre 2020, ma di fatto ancora in vigore, con relativi allineamenti, anche da gennaio 2020.

Allineamento tabelle retributive contratto commercio da gennaio 2020

L’accordo del 10 settembre 2020 che rettifica lievissimi disallineamenti nei minimi contrattuali per i dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi, a decorrere dal 1° gennaio 2020 è giustificato dalle seguenti motivazioni: “Poiché nel corso degli anni, a seguito dell’implementazione dei sistemi informatici di supporto, si sono verificati lievissimi disallineamenti degli importi di riferimento dei minimi contrattuali” le Parti hanno modificato i minimi contrattuali da marzo 2020 a partire dal 1° gennaio 2020 (busta paga di gennaio 2020).

A chi spetta l’allineamento. L’allineamento riguarda:

  • 2° livello – aumento di 1 centesimo di euro. Lo stipendio passa da 2.010,37 euro a 2.010,38 euro, a cui va aggiunto l’EDR;
  • 3° livello – aumento di 1 centesimo di euro. Lo stipendio passa da 1.791,04 euro a 1.791,05 euro, a cui va aggiunto l’EDR;
  • 5° livello – aumento di 1 centesimo di euro. Lo stipendio passa da 1.508,94 euro a 1.508,95 euro, a cui va aggiunto l’EDR;
  • 6° livello – diminuzione di 2 centesimi di euro. Lo stipendio passa da 1.405,89 euro a 1.405,87 euro, a cui va aggiunto l’EDR;
  • Operatori di vendita di 1° categoria – aumento di 1 centesimo di euro. Lo stipendio passa da 1.561,27 euro a 1.561,28 euro, a cui va aggiunto l’EDR;
  • Operatori di vendita di 2° categoria – diminuzione di 1 centesimo di euro. Lo stipendio passa da 1.390,30 euro a 1.390,29 euro, a cui va aggiunto l’EDR.

Ecco i nuovi stipendi del contratto commercio indicati nelle tabelle retributive del contratto commercio aggiornate al 2020.

Arretrati contratto commercio non dovuti

Nell’accordo del 10 settembre 2020 contenente gli allineamenti si legge che “Le Parti, infine, concordano che tali importi si considerano definitivi e verranno utilizzati, dalla decorrenza indicata al capoverso precedente, come base di riferimento per future operazioni, oltreché recepiti nel suddetto testo unico, dandosi atto, reciprocamente, che nulla sarà dovuto in relazione a periodi antecedenti alla data dell’1.1.2020”.

Pertanto non è previsto alcun una tantum a titolo di arretrati relativi al rinnovo del contratto commercio.

Contratto commercio 2020, stipendi dal 1 Gennaio e rinuncia arretrati

Cosa prevede il nuovo accordo per il rinnovo del contratto commercio 2020: nessuna novit� rilevante ancora al momento. Cambiamenti solo di pochi centesimi

Cosa cambia per il contratto commercio 2020?

Per il contratto commercio 2020 al momento non dovrebbe cambiare molto, considerando che non sono previsti aumenti degli stipendi relativamente ai minimi contrattuali. Sono stati raggiunti accordi per aumenti di appena 1 centesimo di euro. E non per tutti. E per lavoratori inquadrati nel Livello 6 sono previste invece riduzioni di 2 centesimi di euro.

Cosa cambia per il contratto commercio 2020? Le attese sono per il rinnovo del contratto commercio che, stando a quanto riportano le ultime notizie dovrebbe arrivare nel 2020, garantendo aumenti in busta paga. Nessuna novità, invece, dovrebbe essere attesa per gli arretrai. Vediamo cosa cambia per il contratto commercio 2020.

  • Nuovi accordi rinnovo contratto commercio 2020
  • Aumenti contratto commercio 2020 e a chi spettano
  • Rinnovo contratto commercio 2020: rinuncia arretrati
  • Contratto commercio situazione attuale

Rinnovo contratto commercio 2020: nuovi accordi

Il rinnovo del contratto commercio con relativo aumento degli stipendi non è ancora arrivato e si dovrebbe raggiungere un’intesa solo il prossimo anno. Al momento, le parti sociali hanno raggiunto solo un accordo per aumenti davvero minimi, parliamo di qualche centesimo di euro, per cui si attende ancora la trattativa per un ‘reale’ rinnovo del contratto del commercio per aumenti della paga base.

Aumenti contratto commercio 2020 e a chi spettano

Gli aumenti decisi al momento sono davvero irrisori, di appena 1 centesimo di euro per:

  • lavoratori inquadrati nel secondo, terzo, quinto livello del contratto commercio;
  • operatori di vendita di prima categoria.

E sono previste anche riduzioni di stipendi.

Per i lavoratori inquadrati nel sesto livello del commercio lo stipendio dovrebbe, al contrario, diminuire di 2 centesimi di euro e di un centesimo di euro per gli operatori di vendita di seconda categoria. Le novità dovrebbero farsi vedere già a partire dalle busta paga di gennaio.

Per tutti gli altri lavoratori con contratto commercio e inquadrati negli altri livelli previsti dal CCNL commercio non cambierà nulla: non ci saranno aumenti di stipendi per cui da gennaio 2020 le loro buste paga resteranno esattamente come quelle attuali.

Rinnovo contratto commercio 2020: rinuncia arretrati

Stando all’accordo raggiunto dalle parti sindacali, a prescindere da aumenti e riduzioni sopra riportate di 1 e 2 centesimi di euro, non sono dovuti gli arretrati per periodi precedenti il primo gennaio 2020. Ciò significa che il rinnovo del contratto commercio 2020 non prevede l’erogazione di arretrati una tantum.

Contratto commercio situazione attuale

Stando alle attuali regole previste dal contratto commercio, in attesa di ulteriori sviluppi eventuali sulle trattative di rinnovo dei contratti e di aumenti degli stipendi, le retribuzioni previste in base ai livelli di inquadramento dei lavoratori sono:

  • 2.699,84 euro per il livello Q la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 2.248,08 euro per il livello 1 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 2.012,44euro per il livello 2 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 1.793,11 euro per il livello 3 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 1.618,75 euro per il livello 4 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 1.510,98 euro per il livello 5 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 1.407,90 euro per il livello 6 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 1.283,36 euro per il livello 7 la retribuzione mensile, comprensiva di contingenza e terzo elemento;
  • 1.561,20 euro per il livello VP.1ª;
  • 1.390,28 euro per il livello VP.2ª.

Stando alle regole attuali previste dal contratto commercio, il lavoratore con CCNL commercio ha diritto a 180 giorni di malattia nell’anno solare, durante il quale deve mantenere il suo posto di lavoro; ha diritto a 26 giorni di ferie e a 88 ore all’anno di permessi retribuiti per aziende con meno di 15 dipendenti che salgono a 104 ore per aziende con almeno 15 dipendenti.

Tabelle retributive contratto commercio: stipendio anno per anno

Le tabelle retributive del contratto commercio contengono gli aumenti periodici dello stipendio dei lavoratori del commercio. In particolare, il rinnovo del Ccnl Commercio, terziario, distribuzione e servizi prevede l’aumento periodico e scadenzato dei minimi contrattuali (o paga base) dei lavoratori del commercio.

La paga base insieme all’indennità di contingenza (compreso l’elemento distinto della retribuzione EDR), il terzo elemento, gli scatti di anzianità e l’eventuale riconoscimento di superminimi o altre indennità, formano lo stipendio del lavoratore del commercio per la parte relativa alla retribuzione fissa e continuativa spettante secondo CCNL.

Il rinnovo delle tabelle retributive del contratto commercio, come per molti altri CCNL, interessa l’aumento del solo minimo stipendiale o paga base, mentre l’indennità di contingenza e l’EDR rimangono di importo fisso nel tempo.

Tutte le voci dello stipendio nel commercio

Lo stipendio del commercio viene aggiornato periodicamente con il rinnovo del contratto commercio, ossia il rinnovo delle parti sociali della parte economica del CCNL Terziario Confcommercio.

Il rinnovo aumenta la paga base in base ad ogni livello del contratto, indicando l’ammontare dello stipendio del lavoratore full-time. Il lavoratore con contratto part-time riceve l’aumento dello stipendio proporzionato all’orario di lavoro. Mentre il lavoratore apprendista, quindi con contratto di apprendistato, avrà l’aumento stipendiale riparametrato in base al periodo formativo che prevede nei primi 18 mesi una retribuzione fino a 2 livelli inferiori e nei secondi 18 mesi una retribuzione di un livello inferiore al livello di destinazione finale.

Accanto a paga base, indennità di contingenza, Edr vi sono gli scatti di anzianità, l’eventuale superminimo assorbibile o non assorbibile o assegno ad personam. Tutte queste voci rappresentano la retribuzione fissa e continuativa.

Gli scatti di anzianità triennali, anch’essi con importo fisso che matura ogni tre anni di rapporto di lavoro, si aggiungono alla retribuzione fissa e continuativa, che è la base di calcolo per la retribuzione o paga oraria e giornaliera maggiorata per il lavoro straordinario, notturno, festivo, ecc..

Oltre a tali emolumenti fissi, in busta paga vi sono anche le indennità variabili percepite durante il mese per lavoro straordinario, notturno, festivo, ecc.

Pertanto lo stipendio del lavoratore del commercio è formato da una serie di voci, ma è indubbio che ciò che è importante e atteso dai lavoratori è il rinnovo delle tabelle retributive, con l’aumento della paga base e quindi dello stipendio periodicamente per effetto delle trattative sindacali.

Molti lavoratori, quindi, cercano le tabelle retributive del commercio per interessarsi sugli aumenti di stipendio anno per anno per effetto del rinnovo del CCNL Commercio, in particolare per consultare le tabelle retributive per l’anno 2020, per l’anno 2020, per l’anno 2020, per l’anno 2020, per l’anno 2020, ecc.

Occorre precisare che il contratto collettivo del Commercio, Terziario, distribuzione servizi è stato stipulato il 30 marzo 2020 e prorogato fino al 31 dicembre 2020 sia per la parte economica che normativa. Le tabelle retributive sono state rinnovate a partire da aprile 2020, poi da novembre 2020, giugno 2020, agosto 2020 e marzo 2020 in poi.

Con un accordo del 10 settembre 2020 le tabelle retributive in vigore da marzo 2020 sono valide fino al 31 dicembre 2020. A partire dal 1 gennaio 2020 scatta l’adeguamento delle tabelle retributive in vigore da marzo 2020 all’allineamento di pochi centesimi previsto dall’accordo stesso.

Quindi il lavoratore deve consultare per ogni anno gli aumenti intercorsi durante l’anno, che ora dettaglieremo in ogni loro voce.

Vediamo quindi tutte le tabelle retributive del contratto commercio degli ultimi anni, con l’indicazione non solo degli aumenti dei minimi retributivi ma anche della contingenza e degli altri elementi, che sono riconosciuti in misura fissa, come il terzo elemento (ossia non aumentano con il rinnovo del contratto commercio e delle tabelle retributive del CCNL Commercio), in modo che il lavoratore possa avere contezza dello stipendio fisso spettante, per il quale dovrà aggiungere gli eventuali scatti di anzianità e ulteriori elementi fissi e continuativi per determinare la paga base oraria e giornaliera.

Tabelle retributive contratto commercio in vigore da gennaio 2020

A partire dal 1° gennaio 2020, quindi dalla busta paga di gennaio 2020, le tabelle retributive in vigore da marzo 2020 sono state leggermente modificate. Non è stato rinnovato il contratto commercio, ma è stato stipulato un accordo del 10 settembre 2020 contenente la “rettifica dei lievissimi disallineamenti nei minimi contrattuali per i dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi, a decorrere dal 1° gennaio 2020”. In base a questo accordo:

  • aumentano di 1 centesimo di euro gli stipendi dei lavoratori inquadrati con il secondo, terzo e quinto livello del commercio;
  • Diminuisce lo stipendio di 2 centesimi di euro per i lavoratori inquadrati con il sesto livello del commercio;
  • Aumenta di 1 centesimo di euro per gli Operatori di vendita di 1° categoria e diminuzione di 1 centesimo di euro per gli Operatori di vendita di 2° categoria.

Le tabelle retributive nel commercio anno 2020 sono sostanzialmente i livelli retributivi del rinnovo del 3 marzo 2020 con gli allineamenti a partire da gennaio 2020.

Il prossimo rinnovo del contratto collettivo potrebbe consentire un aumento degli stipendi nel contratto commercio per effetto dell’eventuale rinnovo CCNL Commercio 2020-2023.

Ecco le tabelle retributive del contratto commercio in vigore da gennaio 2020 in poi:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.699,84 euro, di cui 1.896,64 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (di cui 260,76 come indennità di funzione e 2,07 euro come Terzo elemento della retribuzione).

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.248,08 euro, di cui 1.708,49 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.012,45 euro (aumento di 1 centesimo di euro), di cui 1.477,84 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio aumentato di 1 centesimo di euro), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.793,12 euro (aumento di 1 centesimo di euro), di cui 1.263,15 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio aumentato di 1 centesimo di euro), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.618,75 euro, di cui 1.092,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.511,02 euro (aumento stipendio di 1 centesimo di euro), di cui 987,01 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio aumentato di 1 centesimo di euro), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.407,94 euro (diminuzione stipendio di 2 centesimi di euro), di cui 886,11 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio diminuito di 2 centesimi di euro), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.283,38 euro, di cui 758,65 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR, 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.563,35 euro (aumento stipendio di 1 centesimo di euro), di cui 1.031,24 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio aumentato di 1 centesimo di euro), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.392,36 euro (diminuzione stipendio di 1 centesimo di euro), di cui 864,18 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio diminuito di 1 centesimo di euro), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Occorre precisare che il terzo elemento contrattuale nel contratto commercio è di 2,07 euro (le tabelle retributive tengono conto di tale cifra), ma per alcune province è disciplinato in maniera diversa. Anziché 2,07 euro, nella provincia di Milano il terzo elemento è di 11,36 euro, nella provincia di Piacenza è di 9,03 euro, nella provincia di Bergamo è di 10,33 euro, nella provincia di Brescia è di 8,78 euro, nella provincia di Como e Varese è di 7,75 euro, nella provincia di Torino è 6,71 euro. In tutte le altre province è di 2,07 euro. Pertanto, i lavoratori delle province appena elencate dovranno aggiornare tutte le tabelle retributive di questo articolo aggiungendo la differenza relativa al terzo elemento.

Tabelle retributive contratto commercio in vigore da marzo 2020 a dicembre 2020

Le tabelle retributive nel commercio anno 2020 sono sostanzialmente i livelli retributivi del rinnovo del 3 marzo 2020. Dal marzo 2020 infatti sono scattati gli aumenti che dovevano essere riconosciuti dal 1 novembre 2020 e che furono bloccati per decisione delle parti sociali.

L’accordo integrativo del 13 maggio 2020 ha prolungato prolunga la scadenza del CCNL Terziario, distribuzione e servizi del 30 marzo 2020 al 31 dicembre 2020. L’accordo del 10 settembre 2020 ha limitato la validità delle tabelle retributive da marzo 2020 a tutto il mese di dicembre 2020.

Ecco le tabelle retributive del contratto commercio in vigore da marzo 2020 a dicembre 2020:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.699,84 euro, di cui 1.896,64 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (di cui 260,76 come indennità di funzione e 2,07 euro come Terzo elemento della retribuzione).

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.248,08 euro, di cui 1.708,49 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.012,44 euro, di cui 1.477,83 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.793,11 euro, di cui 1.263,14 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.618,75 euro, di cui 1.092,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.511,01 euro, di cui 987,00 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.407,96 euro, di cui 886,13 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.283,38 euro, di cui 758,65 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR, 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.563,34 euro, di cui 1.031,23 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.392,37 euro, di cui 864,19 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Tabelle retributive ccnl commercio da agosto 2020 a febbraio 2020

L’aumento dello stipendio a partire da agosto 2020 e fino a febbraio 2020 è stato deciso dalle parti sociali con il rinnovo del CCNL Terziario Confcommercio del 2020.

Ecco le tabelle retributive del contratto commercio in vigore dal 1° agosto 2020 al 28 febbraio 2020:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.672,07 euro, di cui 1.868,86 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (di cui 260,76 come indennità di funzione e 2,07 euro come Terzo elemento della retribuzione).

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.223,06 euro, di cui 1.683,47 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.990,80 euro, di cui 1.456,19 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.774,61 euro, di cui 1.244,64 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.602,75 euro, di cui 1.076,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.496,55 euro, di cui 972,54 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.394,98 euro, di cui 873,15 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello) e 2,07 euro di terzo elemento.

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.272,27 euro, di cui 747,53 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR, 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.548,24 euro, di cui 1.016,13 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.379,69 euro, di cui 851,51 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Tabelle retributive ccnl commercio da giugno 2020 a luglio 2020

Prima di analizzare i vari livelli riportiamo quali sono le tabelle retributive del contratto commercio in vigore dal 1° giugno 2020 al 31 luglio 2020:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.630,40 euro, di cui 1.827,19 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i Quadri.

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.185,53 euro, di cui 1.645,94 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello).

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.958,33 euro, di cui 1.423,72 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello).

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.746,86 euro, di cui 1.216,89 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello).

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.578,75 euro, di cui 1.052,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello).

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.474,84 euro, di cui 950,83 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello).

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.375,50 euro, di cui 853,67 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello).

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.255,58 euro, di cui 730,87 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR e 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.525,60 euro, di cui 993,49 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.360,65 euro, di cui 832,47 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Tabelle retributive ccnl commercio da novembre 2020 a maggio 2020

Le tabelle retributive del contratto commercio in vigore dal 1° novembre 2020 al 31 maggio 2020 sono le seguenti:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.604,36 euro, di cui 1.801,15 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i Quadri.

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.162,07 euro, di cui 1.622,48 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello).

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.938,04 euro, di cui 1.403,43 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello).

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.729,52 euro, di cui 1.199,55 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello).

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.563,75 euro, di cui 1.037,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello).

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.461,29 euro, di cui 937,28 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello).

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.363,33 euro, di cui 841,50 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello).

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.245,16 euro, di cui 720,42 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR e 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.511,44 euro, di cui 979,33 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.348,76 euro, di cui 820,58 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Tabelle retributive ccnl commercio da aprile 2020 a ottobre 2020

Le tabelle retributive del contratto commercio in vigore dal 1° aprile 2020 al 31 ottobre 2020 sono le seguenti:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.578,32 euro, di cui 1.775,11 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i Quadri.

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.138,61 euro, di cui 1.599,02 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello).

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.917,75 euro, di cui 1.383,14 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello).

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.712,18 euro, di cui 1.182,21 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello).

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.548,75 euro, di cui 1.022,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello).

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.447,74 euro, di cui 923,73 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello).

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.351,16 euro, di cui 829,33 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello).

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.234,74 euro, di cui 710,00 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR e 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.497,28 euro, di cui 965,17 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.336,87 euro, di cui 808,69 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Tabelle retributive ccnl commercio da ottobre 2020 a marzo 2020

Le tabelle retributive del contratto commercio in vigore dal 1° ottobre 2020 al 31 marzo 2020 sono le seguenti:

Quadri – livello Q contratto commercio: stipendio mensile di 2.552,28 euro, di cui 1.749,07 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 540,37 euro come indennità di contingenza + EDR e 262,84 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i Quadri.

Primo livello – 1° livello contratto commercio: stipendio mensile di 2.115,15 euro, di cui 1.575,56 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,52 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il I livello (lavoratori inquadrati al primo livello).

Secondo livello – 2° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.897,46 euro, di cui 1.362,85 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 532,54 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il II livello (lavoratori inquadrati al secondo livello).

Terzo livello – 3° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.694,84 euro, di cui 1.164,87 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 527,90 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il III livello (lavoratori inquadrati al terzo livello).

Quarto livello – 4° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.533,75 euro, di cui 1.007,46 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,22 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il IV livello (lavoratori inquadrati al quarto livello).

Quinto livello – 5° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.434,19 euro, di cui 910,18 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 521,94 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il V livello (lavoratori inquadrati al quinto livello).

Sesto livello – 6° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.338,99 euro, di cui 817,16 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 519,76 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VI livello (lavoratori inquadrati al sesto livello).

Settimo livello – 7° livello contratto commercio: stipendio mensile di 1.224,32 euro, di cui 699,58 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,51 euro come indennità di contingenza + EDR e 7,23 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per il VII livello (lavoratori inquadrati al settimo livello).

Operatore di vendita 1 contratto commercio: stipendio mensile di 1.483,12 euro, di cui 951,01 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 530,04 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 1.

Operatore di vendita 2 contratto commercio: stipendio mensile di 1.324,98 euro, di cui 796,80 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 526,11 euro come indennità di contingenza + EDR e 2,07 euro di terzo elemento, per gli operatori di vendita 2.

Melhores corretores de opcoes binarias 2020:
  • Binomo
    Binomo

    O melhor corretor!
    Conta demo gratuita e treinamento para iniciantes!
    Inscreva-se bonus!

  • FinMax
    FinMax

    Corretor de opcoes binarias confiavel! Boa resposta!

Like this post? Please share to your friends:
Como negociar opções binárias
Deixe uma resposta

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: